Il controllo di gestione nelle operazioni di M&A di studi professionali

a cura di MPO & Partners

Anche l’anno 2016 conferma il crescente fenomeno sia delle operazioni di acquisto\vendita degli studi professionali sia delle aggregazioni tra professionisti (Fonte: MpO Centro Studi). Tali fenomeni risultano in costante sviluppo perché favorite dal contesto economico attuale dove la clientela richiede risposte sempre più efficienti al proprio professionista e pertanto l’informazione, l’aggiornamento, la conoscenza e la specializzazione sono fondamentali per essere competitivi.

Lo scenario competitivo nel quale il professionista opera si è radicalmente modificato nel corso degli ultimi anni e si è assistito non solo ad un deciso incremento di adempimenti e scadenze a carico del professionista ma anche di un incremento della concorrenza con conseguente perdita di clientela. A tutto ciò si aggiunga una diminuzione dei margini di profitto in una congiuntura economica globale con alta mortalità delle aziende.

Il fenomeno della concentrazione degli Studi, così come quello della cessione\acquisizione di clientela professionale, ha fatto sì che molti professionisti si trovino a dover gestire contemporaneamente vari studi spesso situati addirittura in diverse città lontane tra loro.

Pertanto sorge la necessità del “Dominus” – impossibilitato a controllare ogni singola attività dello Studio per mancanza di tempo – di avere, in qualche modo, immediata percezione dell’andamento dello stesso. Tutto ciò può essere fatto solo tramite uno strumento  di controllo di gestione che si surroghi nella funzione di supervisione dello studio stesso, operando sistematicamente uno screening delle eventuali anomalie rispetto ad una situazione ideale di efficienza ed efficacia.

Un adeguato ed efficace controllo di gestione è sicuramente un valido supporto sia nella fase operativa dello Studio sia nelle operazioni di cessione\acquisizione di studi professionali.

Il principale obiettivo del controllo di gestione è indubbiamente quello di aumentare la redditività dello studio attraverso l’analisi per singolo cliente focalizzandosi, di conseguenza, sulle aree di intervento e sui clienti critici per riequilibrarne la situazione economica.

Tutto ciò permette al professionista di avere una maggiore consapevolezza sulle tariffe applicate e di conseguenza un maggiore grado di sicurezza nelle trattative con i clienti attraverso la possibilità di redigere preventivi personalizzati per ognuno di loro.

Il controllo di gestione in uno studio professionale è fondamentale per la sopravvivenza dello stesso in quanto permette al professionista di avere la consapevolezza dei costi e delle potenzialità dello studio, ridurre le inefficienze e migliorare l’organizzazione dello studio aumentando così la redditività dello stesso.
MPO & Partners

Operazioni di M&A studi professionali – Controllo di gestione – Aumento della redditività

Talk Show 'I Risvolti sociali delle operazioni di M&A Professionali'LIVE NOW
+ +